Roberta Ragusa: nuova testimonianza. Vigile del fuoco afferma: “Ho sentito urla di donna”

vigile del fuoco nel caso di Roberta ragusa

Nuove sconcertanti rivelazioni giungono sul caso della scomparsa di Roberta Ragusa, la donna sparita in una notte del gennaio 2012 e mai più ritrovata.

A dare nuovi spunti alle indagini è la testimonianza di Filippo Campisi, un vigile del fuoco che nella notte in cui la donna è scomparsa, nel pisano, avrebbe sentito alcune urla di donna: “Ho sentito un urlo di una donna”, ha dichiarato il vigile del fuoco che nella stessa notte ha anche visto una donna salire su una macchina molto simile a quelle che gli inquirenti gli hanno mostrato.

Alla domanda sul perché l’uomo non abbia detto nulla prima di adesso, il vigile del fuoco ha risposto di essersi ricordato solo ora di questi due elementi che potrebbero essere utili alle indagini. Campisi ha anche affermato che qualora avesse visto una scena cruenta, si sarebbe fermato a soccorrere la donna ed avrebbe allertato le forze dell’ordine, ma poiché ha solo sentito delle urla, ha pensato che potessero essere scaturite da una lite o da una discussione.

A seguito della sua testimonianza, gli inquirenti hanno sequestrato due computer ed una stampante di sua proprietà per scavare più a fondo nella vicenda e per ricostruire quanto affermato dal vigile del fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *