Carrelli saliscale: cosa sono e quali scegliere?

carrelli saliscale

Mai sentito parlare di carrelli saliscale? Hai sentito nominare questi fantomatici carrelli ma non sai bene cosa sono? In questo articolo troverai tutte le risposte che cerchi ..

I carrelli saliscale sono dei carrelli elettrici che ti permettono di salire e scendere le scale con grossi carichi senza fare sforzi e in assoluta sicurezza.  Il saliscale elettrico può essere dotato di un sollevatore elettrico per facilitare l’azione di bilanciamento e trasporto del carico.

Utilizzare i carrelli saliscale comporta numerosi benefici in campo lavorativo.

Ecco i principali vantaggi:

  • Risparmio sulle risorse impiegate;
  • Salvaguardia della salute degli operai;
  • Riduzione del tempo di trasporto;
  • Ottimizzazione dei carichi di lavoro.

Esistono diversi tipi di carrelli saliscale in commercio, progettati e realizzati in base alla portata e la tipologia del carico che si deve trasportare.

È importante specificare che non tutti i saliscale vanno bene per qualsiasi merce.

Se si deve trasportare un carico fino ai 250 kg il carrello saliscale è il miglior aiuto che puoi decidere di avere. Adesso ti spiego il perché.

Il saliscale elettrico più agile e maneggevole è quello a 3 ruote, perché passa ovunque anche su scale molto strette, su pianerottoli ridotti e sugli ingombri più ostici. Inoltre grazie al sistema a rotazione delle 3 ruote l’ingombro del carrello si riduce alle sole misure del carico, riuscendo a passare anche nei corridoi che sembrerebbero inaccessibili.  Questo risulta possibile anche grazie alla caratteristica dei carrelli di avere i manici regolabili a seconda dell’altezza dell’operatore, del carico e della pendenza della scala da salire o da scendere.

I carrelli saliscale a 3 ruote inoltre si manovrano sempre e solo in posizione eretta, favorendo la corretta postura della schiena durante tutto il trasporto del carico. In pratica il carrello deve solo essere accompagnato per tutto il tragitto, senza fare alcun tipo di sforzo.

La merce una volta caricata sul carrello non deve più essere toccata, spostata o riposizionata fino a fine consegna. In questo modo non solo si salvaguarda la salute dell’operatore, ma anche quella dell’oggetto stesso che non subirà nessun tipo di danneggiamento.

Il saliscale elettrico a 3 ruote inoltre è il più veloce in commercio permette di salire e scendere fino a 40 gradini al minuto, unendo velocità di trasporto, sicurezza e risparmio di energie da parte dell’operatore.

Carrelli saliscale 3 ruote, carrelli cingolati e carrelli manuali

Ti abbiamo detto nella prima parte dell’articolo che i carrelli saliscale vanno bene se devi trasportare merci del peso massimo di 250 kg e non di più. Perché? Per una ragione di sicurezza.

Se il carico supera tale peso ti consigliamo di optare per un saliscale cingolato: infatti questi sono progettati per portare carichi dai 300 ai 600 kg.

Il saliscale cingolato pesa molto di più di un saliscale a 3 ruote ed è meno maneggevole ma ti permette di trasportare carichi ben più pesanti come pianoforti, casseforti, distributori bancomat etc., in assoluta di sicurezza!

I saliscale cingolati, mediamente, costano di più di un saliscale a 3 ruote, ma svolgono un lavoro totalmente diverso.

I saliscale cingolati, come i carrelli saliscale e 3 ruote, possono essere manovrati da un solo operatore.

I carrelli manuali per il trasporto di grossi carichi sono da evitare, soprattutto se si ha una ditta che si occupa di consegne e deve fare molte scale al giorno.

Si rischia di incappare in infortuni dovuti al troppo sforzo che fa la schiena, a fare troppa fatica e a rischiare che il carico cada o peggio ancora ferisca il lavoratore.

I carrelli manuali vanno bene per trasportare piccoli pacchi, o comunque oggetti di poco peso.

Allora adesso hai capito cosa sono i carrelli saliscale?! Se vuoi maggiori informazioni visita il sito saliscale.it dove troverai altre informazioni riguardanti questi straordinari strumenti per migliorare l’efficienza della tua azienda e ridurre i rischi di incidenti a cose e persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *